oggi sit in di protesta anche a Terni per modificare la manovra

“Non è vero che servono gli scioperi” dice il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, criticando ancora la Cgil “che contro la manovra ha proclamato uno sciopero prima ancora di sapere come era”.

Per il leader della Uil “gli scioperi servono solo quando si combatte un padrone, colpendone la produzione, ma contro un sistema politico quello che conta è il consenso, se colpiamo il consenso i governi capitolano”.

Angeletti cita l’esempio della marcia indietro sulle pensioni: “La gente ha detto: una stronzata così non l’avevamo mai vista, è questo l’unico linguaggio che capiscono, la perdita di consenso”.

La manovra deve “ridurre costi politica, non solo per motivi etici, ma essenzialmente economici”. L’economia non cresce a causa della “sovrapposizione di decisioni politiche che si traducono in veti. Sia per quanto riguarda gli investimenti pubblici che quelli privati. Senza investimenti, la parola crescita e’ solo una parola”, ha aggiunto. “Credero’ all’impegno della riduzione dei costi della politica quando lo vedro’ votato – ha sottolineato infine Angeletti – . E pensiamo che la lotta all’evasione fiscale debba essere il cuore del risanamento dei conti di questo Paese”.

Oggi intanto sit in di protesta di UIL e CISL davanti a tutte le  Prefetture d’ Italia. A Terni l’appuntamento è alle ore 11.  Tra gli obiettivi anche quello di cancellare le norme che penalizzano i pubblici dipendenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *